Osteofiti: cosa sono, come si cura?

Cosa sono gli osteofiti?

Il problema degli osteofiti è una piuttosto comune e interessa un’ampia categoria di soggetti. Con questo termine si identificano quelle proiezioni ossee – causate da un accumulo di calcio – che si formano lungo le cartilagini articolari e si riscontrano spesso nei casi di artrite.

Sono in gran parte responsabili di limitazioni nel movimento articolare e possono causare dolore. Interessano la vertebra cervicale e la vertebra lombare, ma talvolta possono essere coinvolte anche le dita e le articolazioni del ginocchio.

L’osteofiti non rappresentano un problema, ma è il segnale di una malattia di fondo che necessita un accurata indagine clinica e un corretto trattamento.

Quali sono le cause degli osteofiti?

Gli osteofiti sono generati da un aumento della superficie di un’articolazione danneggiata. La formazione tipica nella parte posteriore della colonna vertebrale di soggetti in età avanzata, è un segno di degenerazione della colonna vertebrale.

Possono apparire anche sui piedi, lungo dita o sul tallone, così come sulle mani. In casi estremi gli osteofiti si manifestano sulla struttura scheletrica di una soggetto nel suo complesso: lungo le ginocchia, sui fianchi,sulle spalle, sulle costole, sulle braccia e sulle caviglie. Gli osteofiti possono anche essere il risultato finale di un processo degenerativo di determinate patologie: l’osteomielite, ad esempio, può lasciare l’osso adiacente con una formazione di questi tipo.

La formazione di osteofiti , nella letteratura medica classica, è correlato a cambiamenti della conformazione ossea, a causa dell’di invecchiamento, della degenerazione, dell’instabilità meccanica, e di malattie. Spesso si formano nelle articolazioni artrosiche quale conseguenza dei danni e dell’usura da infiammazione.

Quali sono i sintomi degli osteofiti?

Un intenso dolore, altresì debilitante, se non curato, è il sintomo principale.

Curiosamente, non è lo stesso osteofita la causa del dolore avvertito. I disturbi sono in realtà causati da uno strofinamento: infatti gli osteofiti sono escrescenze lisce, innocue se non entrano in contatto con un nervo o un osso. Quando gli osteofiti crescono ed espandono le loro dimensioni, fino al punto in cui si verifica questo strofinamento, si possono avvertire debolezza degli arti, intorpidimento, dolore al collo, dolori che si irradiano agli arti inferiori e superiori. Conseguentemente, il movimento è limitato e in alcuni casi si arriva alla disabilità, condizioni, entrambe, che influenzano negativamente la vita di ogni giorno. La chirurgia ossea può essere una opzione di trattamento, sebbene molti interventi chirurgici tradizionali siano di tipo invasivo, e i tempi di recupero rivelarsi potenzialmente lunghi, e, a volte, dolorosi.